EMERGENZA CORONAVIRUS: COME SI DEVE COMPORTARE IL DATORE DI LAVORO
Febbraio 25, 2020
EMERGENZA CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI
Marzo 6, 2020

IO LAVORO: un nuovo incentivo per l’assunzione di giovani

 

I ncentivO Lavoro (IO Lavoro) è il nuovo incentivo istituito dall'ANPAL con il decreto n. 52 dell’11 febbraio 2020, la cui gestione è affidata all'INPS. Il nuovo incentivo è destinato ai datori di lavoro privati (si presume anche non imprenditori) che, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020, assumono lavoratori disoccupati: a) di età compresa tra i 16 anni e 24 anni, b) con 25 anni di età e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, che non abbiano avuto un rapporto di lavoro negli ultimi 6 mesi con il medesimo datore di lavoro. Il requisito di disoccupazione non è richiesto solo nell'ipotesi in cui il datore di lavoro trasformi un rapporto a tempo determinato in rapporto a tempo indeterminato. I soggetti per cui si può accedere all’incentivo sono quelli che presentano (on line) la Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (DID) e che alternativamente soddisfano uno dei seguenti requisiti: - non svolgono attività lavorativa sia di tipo subordinato che autonomo; - sono lavoratori il cui reddito da lavoro dipendente o autonomo corrisponde a un’imposta lorda pari o inferiore alle detrazioni spettanti ai sensi dell’articolo 13 del Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR -D.P.R. n. 917/1986). Nel caso del lavoro dipendente, tale reddito è quantificabile in 8.145 annui euro; in caso di attività di lavoro autonomo, il limite è quantificabile in 4.800 euro annui con eccezione per i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, per i quali il limite ai fini della conservazione dello stato di disoccupazione è equiparato a 8.145 annui euro previsti per il lavoro dipendente. IO Lavoro spetta se la sede di lavoro è ubicata sul territorio italiano indipendentemente dalla residenza del lavoratore e nei limiti delle risorse stanziate. Il bonus contributivo è riconosciuto esclusivamente in caso di: - assunzione con contratto di lavoro a tempo indeterminato anche a tempo parziale e a scopo di somministrazione; - assunzione con contratto di apprendistato professionalizzante; - di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto a tempo determinato. L’incentivo è riconosciuto anche in caso di assunzione del socio lavoratore di cooperativa con contratto di lavoro subordinato mentre è escluso di assunzioni con contratto di lavoro domestico, occasionale o intermittente. IO Lavoro consiste nell'esonero dal versamento della contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione di premi e contributi dovuti all’INAIL, per un periodo di 12 mesi a partire dalla data di assunzione, nel limite massimo di 8.060 euro su base annua, per lavoratore assunto, riparametrato e applicato su base mensile. In caso di lavoro a tempo parziale il massimale è proporzionalmente ridotto. Il bonus deve essere fruito, a pena di decadenza, entro il termine del 28 febbraio 2022. Si può fruire di IO Lavoro alternativamente: a) nel rispetto della normativa europea sugli aiuti “de minimis” (in caso di accertato superamento di tali limiti, l’INPS provvede a revocare l’incentivo applicando le sanzioni civili di legge); b) oltre i limiti “de minimis” qualora l’assunzione comporti un incremento occupazionale netto, da intendersi quale aumento netto del numero di dipendenti di un datore di lavoro rispetto alla media dei dodici mesi precedenti l’assunzione, da mantenersi per tutto il periodo di assunzione agevolata. N.B. Il requisito dell’incremento occupazionale netto non è richiesto per i casi in cui il posto o i posti occupati sono resi vacanti in seguito a dimissioni volontarie, invalidità, pensionamento per raggiunti limiti d’età, riduzione volontaria dell’orario di lavoro o licenziamento per giusta causa e non in seguito a licenziamenti per riduzione del personale.